Tartarughe giganti, marine e…(gallery)

di Valentina Ierrobino Commenta

La gallery di oggi è dedicata alle tartarughe, a quelle di terra ed in particolare alla tartaruga gigante della isole Galapagos, e a quelle di mare, tra cui la Caretta caretta, la più comune nel Mediterraneo. Scopriamo immagini buffe e divertenti di esemplari spettacolari e simpatici che rischiano l’estinzione a causa dei mutamenti climatici e dell’uomo!

La tartaruga marina, tra le quali la più comune nel Mediterraneo è la Caretta caretta, rischia l’estinzione a causa dell’inquinamento del mare e per alcune azioni dell’uomo. La dispersione in mare dei rifiuti in plastica, ed in particolare le buste, è tra le cause maggiori di morte tra le tartarughe di mare che ingoiano il materiale per errore e poi soffocano. Anche gli scontri con natanti sono tra le cause maggiori di morte per le tartarughe che altrimenti, come quelle mostrate nelle immagini, nuoterebbero spensierate tra banchi di pesce colorati (foto 1 e 2), e le più fortunate in acque limpide (foto 3). Nela foto successiva invece vediamo un esemplare che si riposa dopo una lunga nuotata (foto 4)!

La tartaruga gigante che vive nelle isole Galapagos si credeva estinta da oltre un secolo eppure, pochi esemplari sono stati avvistati e analizzati. Il loro DNA è risultato essere proprio quello della tartaruga Chelonodis elephantopus che gli scienziati davano per estinta! Le foto, quasi un’esclusiva potremmo dire, che vi mostriamo ritraggono questo animale da record mentre passeggia indisturbato (foto 5), mentre mangia della lattuga (foto 6), gioca a nascondino con un pettirosso (foto 7) e…fa la linguaccia ai lettori di Ecologiae (foto 8)! Concludiamo la gallery di oggi dedicata alle tartarughe marine, alle tartarughe giganti e terrestri mostrando i primi nati del nuovo anno che a fatica cercano di raggiungere il mare per il loro primo bagnetto (foto 9), lasciando indietro i più piccoli che ancora sono dentro le uova (foto 10).

[Photo Credit | Thinkstock]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.