Biciclette, l’economia può ripartire da loro

di Marco Mancini 1

L’automobile ha ormai fatto il suo tempo, tanto che è evidente un calo nelle vendite e nell’indotto. Per rilanciare l’economia, in modo che esca da questa terribile crisi, a quanto pare potremmo provare con un metodo tutto nuovo: le biciclette. Almeno è quanto sostiene uno studio, realizzato a New York, che ha dimostrato come è molto più redditizio puntare su questo mezzo di locomozione che sull’automobile.

Per farlo i ricercatori sono partiti dai dati del dipartimento dei trasporti newyorkese, ed hanno analizzato come si sviluppa l’economia mettendo a confronto le zone commerciali nei pressi delle zone a traffico limitato in cui si poteva accedere soltanto a piedi o in bici, e quelle invece che si affacciano sulle strade con le auto. Il risultato è stato che l’economia si è sviluppata del 50% in più nelle aree a traffico limitato che in quelle a traffico aperto.

Il motivo è semplice: camminando in aree pedonali o comunque spostandosi più lentamente sulle biciclette si ha più tempo per osservare le vetrine, magari riflettere su un acquisto e fermarsi. Ad incidere è anche l’ambiente circostante dato che psicologicamente un consumatore è maggiormente propenso a comprare qualcosa quando è meno stressato, come capita in chi passeggia, magari respirando aria pulita (sicuramente è più pulita rispetto alle strade a traffico intenso), oppure in chi, dopo aver camminato a lungo, può decidere di sedersi ai tavolini di un bar messi all’esterno, piuttosto che su una panchina rivolta direttamente di fronte ad una vetrina.

Dallo studio inoltre vengono fuori anche altri dati molto significativi per quanto riguarda la salute pubblica dato che, anche se con percentuali differenti a seconda delle strade, in tutte quelle in cui erano presenti piste ciclabili e aree pedonali il numero degli incidenti, non soltanto quelli gravi, si è ridotto notevolmente. Discorso simile anche per quanto riguarda i mezzi pubblici grazie ai quali vengono tolte tantissime auto dalla strada, aumentando lo spazio per le bici ed anche per gli esercizi commerciali che possono così diventare sempre più invitanti.

[Fonte: Dipartimento dei Trasporti di New York]

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.