Sir Gordon Conway: “I cambiamenti climatici devasteranno l’Africa”

di Marco Mancini Commenta

Uno degli scienziati più influenti del mondo, professor Sir Gordon Conway, professore di sviluppo internazionale presso l’Imperial College di Londra, ha avvertito che il cambiamento climatico potrebbe devastare l’Africa, prevedendo un aumento catastrofico della carenza di cibo. Il professore ha affermato in un nuovo documento che il Continente si sta già riscaldando più velocemente rispetto alla media globale e che la popolazione residente può aspettarsi una più intensa siccità, inondazioni e mareggiate.

Ci sarà meno acqua potabile, le malattie come la malaria si diffonderanno maggiormente e i più poveri saranno colpiti più duramente, mentre i terreni agricoli saranno danneggiati entro il prossimo secolo. Spiega Conway che:

C’è già la prova che l’Africa si sta riscaldando più velocemente rispetto alla media mondiale, con temperature più calde e meno giorni di freddo estremo. L’Africa è probabile che diventi 4°C più calda nei prossimi 100 anni, e [sarà] molto secca.

Conway prevede che la fame nel continente potrebbe aumentare drammaticamente nel breve termine, come la siccità e l’aumento della desertificazione, e il cambiamento climatico che colpisce gli approvvigionamenti di acqua.

Le riduzioni previste delle rese agricole potrebbero essere fino al 50% entro il 2020 e del 90% entro il 2100.

Conway ha qualche speranza che l’Africa orientale e il Corno d’Africa, che attualmente stanno attraversando la loro peggiore siccità e scarsità di cibo degli ultimi 20 anni, diventeranno più umide. Ma ha detto che l’ampiamente auspicato aumento dell’8-15% delle rese africani come diretto risultato di più CO2 nell’atmosfera non potrà riuscire a concretizzarsi.

Le analisi più recenti suggeriscono che i benefici di biossido di carbonio possono essere significativamente inferiori a quello che inizialmente si era pensato.

Invece, la crescita della popolazione combinata con il cambiamento climatico comporterebbe una carenza sempre più estrema degli alimenti. Per sostenere tutta questa popolazione, sarà necessario aumentare del 70-100% gli alimenti rispetto a quanto è disponibile attualmente. La maggior parte del fabbisogno riguarda la materia organica, di cui l’Africa è sempre più povera, ma bisogna migliorare anche la disponibilità d’acqua e produrre colture che producono di più, usando l’azoto e l’acqua in modo più efficiente.

Secondo sir Gordon, la ricerca sugli OGM nei Paesi in via di sviluppo va sostenuta, visto che le nuove tecnologie devono essere parte della risposta africana per affrontare la fame e la siccità.

In alcune circostanze abbiamo bisogno di colture geneticamente modificate perché non saremo in grado di trovare il gene naturalmente. L’OGM può essere il modo più veloce e più efficiente per aumentare la resa. La tolleranza alla siccità è disciplinata da una serie di geni. E’ un grosso problema per i coltivatori di OGM e di piante normali.

L’ultima richiesta è di intensificare la ricerca sui cambiamenti climatici perché, come lui stesso ammette, ci sono molte cose che ancora non sappiamo.

Il Sahel può diventare umido o rimanere a secco. Il flusso del Nilo può essere maggiore o minore. Non sappiamo se il calo della produzione agricola sarà molto grande o relativamente piccolo. Il meglio del meglio previsto è che molte regioni dell’Africa subiranno una maggiore siccità e inondazioni con maggiore intensità e frequenza. Dobbiamo pianificare la certezza che gli eventi più estremi si verificheranno in futuro, ma con regolarità incerta.

Dunque è la scienza, ma anche la politica, che deve impegnarsi a fare in modo che l’Africa, ma tutto il mondo, non si trovi impreparato a tali eventi.

Fonte: [The Guardian]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.