Ecologia, Incredible Edible un orto cittadino per tutti

di Valentina Ierrobino 2

Incredible Edible è un progetto nato qualche anno fa in un caffé di Todmorden, una cittadina inglese di circa 15.000 abitanti situata nella Pennine Valley, tra le contea dello Yorkshire e il Lancashire. Sembra davvero una storia incredibile ma…in questo paese i cittadini possono coltivare e nutrirsi con prodotti freschi e di stagione, a km zero e ottenuti con agricoltura biologica, facendo “la spesa” nelle aiuole della città.

Tutto è cominciato quando Pam Warhursth ha messo dei cartelli nel suo orto di casa per invitare i passanti ad entrare e prendere qualche verdura. Dopo 6 mesi, e dopo aver abbassato il muro di recinzione, sono entrati i primi timidi passanti e pian piano Incredible Edible è divenuta una realtà. Oggi passeggiando tra le strade di Todmorden ci si può imbattere nelle coltivazioni di patate alla stazione di polizia, in orti di broccoli alla stazione dei treni, ma anche in aiuole con lamponi, mele e albicocche lungo il sentiero del canale, oppure fagioli e piselli fuori dal college, o ciliegie nel parcheggio del supermercato, ribes rosso e fragole dietro uno studio medico, timo, finocchio, rosmarino e menta vicino l’ospedale. Le verdure cittadine sono per tutti e tutti possono contribuire a rendere la cittadina la prima in Gran Bretagna autosufficiente dal punto di vista alimentare. L’obiettivo del progetto, come racconta Mary Clear, è quello di raggiungere l’autosufficienza totale entro il 2018

Incredible Edible è qualcosa di più di semplici appezzamenti di terra con degli orti: si tratta di educare le persone al cibo e stimolare l’economia locale.

L’iniziativa ha fatto diminuire anche gli atti vandalici e la criminalità di Todmorden. Il motivo? Come spiega Pam Warhurst

Se si prende uno spiazzo d’erba di norma utilizzato come pattumiera e per far fare i bisogni ai cani, e lo si trasforma in un luogo pieno di erbe e alberi da frutta, la gente non lo danneggia.

Incredible Edible è in fase di sperimentazione in altre 21 città del Regno Unito, ma l’idea di un orto comune ha interessato anche altri luoghi come Germania, Spagna, Canada e Hong Kong. E in Italia?

[Fonte e foto: Dailymail]

[Video: Youtube]

Commenti (2)

  1. Le persone hanno un’innata saggezza e quando tornano alla natura con le coltivazioni la rabbia e la violenza che ciascuno di noi, in vari gradi, ha dentro di sè spariscono.
    Si sentono meglio, sentono di far parte di una comunità perchè rubare o danneggiare?
    Queste cose non hanno più senso e non esistono più in una realtà del genere.
    Magari anche in Italia prendesse piede un movimento così ne abbiamo tanto bisogno specie in questi tempi così difficili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>