La mosca tsè tsè invade l’Africa a causa del riscaldamento globale

di Marco Mancini 6

mosca tsè tsè

La mosca tsè tsè è una della specie di insetti più pericolose al mondo. Da secoli esse vivono in Africa, nelle zone molto calde, come la savana, ma a causa del riscaldamento globale stanno cominciando a “migrare” verso le città. Fino a questo momento infatti le già travagliate cittadine dei Paesi del Terzo Mondo finivano con il vedersela, oltre che con la povertà e la guerra, anche con le zanzare ed altri tipi di insetti che trasportavano malattie come la malaria. Ma mai fino ad oggi hanno dovuto combattere con la mosca tsè tsè.

Questi ditteri africani trasportano il virus responsabile della tripanosomiasi, la cosiddetta “malattia del sonno“, una condizione che attacca il sistema nervoso e, se non curata, porta al coma e alla morte. Secondo l’Oms tale malattia colpisce ogni anno dalle 50 alle 70 mila persone, ma a breve potrebbe aumentare a dismisura il suo contagio, in quanto la mosca che la trasmette sta cominciando a popolare le città.

Ma i problemi per il già sfortunato Continente africano non finiscono qui. Secondo l’Ird (Istituto di ricerca per lo sviluppo), che ha sede in Francia, a causa del riscaldamento globale la specie palpalis, la più letale, ha già cominciato a popolare le metropoli come Dakar, capitale del Senegal, o Kinshasa, in Congo. A questo si aggiunge che per i ben noti problemi sociali della zona, come le guerre civili e la povertà, negli ultimi anni stanno aumentando le migrazioni di tali popolazioni, verso altre zone che non hanno mai conosciuto la mosca tsè tsè. Questo finirà per il diffondere il virus anche tra coloro che non hanno sviluppato gli anticorpi per combatterlo, facendo divenire il contagio ancora più duro di quanto già avviene nell’Africa centrale.

Attualmente allo studio ci sono le previsioni di dove la popolazione umana e quella della mosca tsè tsè potranno spostarsi, per concentrare gli sforzi nello studiare le campagne d’intervento. Un provvedimento forse tardivo, visto che sarebbe bastato non mutare la condizione climatica per evitare tutto questo guaio.

Fonte: [Ansa]

Commenti (6)

  1. Ciao Marco Mencini, vorrei sapere se questa pagina, o meglio l’articolo che hai scritto è protetto da copyright? Avevo intenzione di utilizzarla su Wikipedia, citando naturalmente la fonte!

    1. Ciao Fabrizio,
      sì i nostri articoli sono protetti da copyright, puoi riproporre contenuti parziali di questo articolo citando la fonte ed inserendo un link al nostro sito. Spero di esserti stata utile. Grazie.
      Paola.
      Ecologiae.com

  2. Il virus della tripanosomiasi???? La malattia del sonno e’ provocata da un protozoo, ma chi scrive queste eresie?????

    1. grazie per la segnalazione e abbiamo prontamente corretto… senza mandare nessuno al rogo 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>