Riduzione emissioni, riciclo e riutilizzo meglio delle centrali elettriche e dei trasporti

di Paola P. 3

Quando si tratta di ridurre le emissioni di CO2, abbiamo quasi sempre parlato di centrali elettriche e veicoli. Ma un nuovo studio della EPA (l’Agenzia per la Protezione Ambientale americana) dimostra che, se si considera l’intero ciclo di vita, un pezzo enorme di emissioni di gas a effetto serra (circa il 42%) è causato dal modo in cui le persone nei Paesi ricchi “si procurano, producono, distribuiscono e smaltiscono i beni e servizi “.

Si conclude che la riduzione dei rifiuti e il riciclaggio sono strumenti molto potenti per ridurre le emissioni di CO2. Secondo le proiezioni del rapporto, se dovessimo ridurre gli imballaggi in generale del 50%, ridurre i prodotti di carta da imballaggio del 50%, prolungare la vita dei computer del 25%, aumentare il riciclaggio di costruzione e di detriti da demolizione al 50%, e aumentare il compostaggio dei rifiuti solidi urbani e il riciclaggio al 50%, si potrebbe tagliare enormemente le emissioni di CO2, più che trasformando una centrale elettrica da carbone ad energia pulita.

Joshua Stolaroff, uno degli autori tecnici della relazione, ha spiegato al New York Times che

[la riduzione dei rifiuti e il riciclaggio] sono stati considerati essenzialmente di piccole entità o pari a zero in termini di quanto siano importanti per quanto riguarda la dotazione di strumenti di mitigazione del cambiamento climatico. Estendere la vita dei prodotti, in generale, probabilmente è una grande opportunità.

Naturalmente, è più facile a dirsi che a farsi, ma ci sono molti pionieri come molte città in Gran Bretagna o in altri Paesi europei, così come molte aziende, che stanno tentando (ed in alcuni casi ci sono riusciti), di ridurre i loro rifiuti quasi a zero. Se avranno successo, altri dovranno emularli. La lezione è che non dovremmo concentrare tutta la nostra attenzione sulla produzione di energia elettrica e sul trasporto, ma trovare un approccio equilibrato che inizia prendendo di mira il cambiamento dal basso in ciascuno di questi settori, compreso quello che l’EPA raggruppa sotto la voce “materiali e gestione del territorio” .

Fonte: [Treehugger]

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.