Riscaldamento globale, il corpo degli animali cambia

di Paola P. 1

 Il riscaldamento globale colpisce anche le dimensioni degli animali. Alcuni animali, a quanto pare, stanno dimagrendo, mentre altri stanno ingrassando. Tutta colpa degli sconvolgimenti degli ecosistemi terrestri, della scomparsa di alcune specie, e della proliferazione di altre, ma anche dell’aumento delle temperature e delle correnti che cambiano.

E’ probabile che questo cambio di regime alimentare sia una reazione conseguente all’aumento delle temperature a causa del cambiamento climatico globale – spiega il professor Yoram-Yom Tov del Dipartimento di Zoologia dell’Università di Tel Aviv, che ha misurato l’evoluzione delle dimensioni del corpo degli uccelli e degli animali nelle zone in cui il cambiamento climatico è più estremo ed evidente.

I cambiamenti si registrano principalmente alle latitudini più elevate, dove il Prof. Yom Tov ha scoperto come gli uccelli diventino via via più piccoli mentre i mammiferi diventano più grandi, o almeno questo è quanto si verifica nella maggior parte delle specie prese in esame.

Il cambiamento-ipotizza lo studioso- è probabilmente una strategia per la sopravvivenza.

Il professor Yom-Tov, che ha trascorso decenni ad occuparsi della misurazione e del controllo delle dimensioni del corpo dei mammiferi e dei piccoli uccelli, dice che questi cambiamenti ora stanno accadendo più rapidamente. Il suo lavoro più recente sul tema, si è concentrato sulla riduzione delle dimensioni del corpo delle volpi artiche in Islanda, in uno studio apparso sul Global Change Biology.

Popolazioni animali in una vasta gamma di aree geografiche – uccelli nel Regno Unito, piccoli mammiferi nell’Artico, e più recentemente la volpe, la lince e la lontra nelle fredde regioni scandinave – si stanno adattando ad un cambiamento di temperature in aumento. Nei casi in cui le variazioni di temperatura sono più radicali, come quelle a latitudini più elevate, il professor Yom-Tov ha misurato i cambiamenti più radicali delle dimensioni del corpo di questi animali nel corso del tempo.

“Questo cambiamento può essere visto come un indicatore precoce del cambiamento climatico”, spiega il prof-Yom Tov. “C’è un costante aumento delle temperature a latitudini più elevate, e questo effetto – che sia antropizzato o naturale – ha un impatto enorme sugli animali che vivono in queste zone”.

[Fonte: Sciencedaily]

Commenti (1)

  1. Il fatto che si stanno adattando non è una cattiva notizia. Lo è il fatto che l’uomo sta accelerando, peggiorando dei cambiamenti climatici, mettendo in pericolo se stesso in primis: perchè la terra, la fauna, la flora andranno avanti comunque, come hanno fatto per centinaia di milioni di anni, è l’uomo che rischia la catastrofe, l’estinzione.

    Ma l’umanità sembra ancora non aver capito la gravità della situazione.

    ecodellaterra.blogspot.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.