A Venezia l’Università più green d’Italia, nel Connecticut la migliore del mondo

di Redazione Commenta

Anche un’università può essere green. L’importante è che la sua struttura sia realizzata secondo i principi della bioedilizia, sia promossa una mobilità sostenibile, acqua, rifiuti ed energia siano trattati in maniera corretta e la ricerca e la didattica comprendano quante più tematiche ecologiche possibili. Seguendo questi principi il team di ricercatori della Universitas Indonesia hanno analizzato 215 atenei mondiali, ed hanno inserito in graduatoria anche 7 italiane.

La migliore d’Italia, secondo tale graduatoria, è l’Università Ca’ Foscari di Venezia, che eccelle in particolar modo per il sistema di trasporti, tra i migliori al mondo. Appena dietro troviamo il Politecnico di Milano, seguito dall’Università del Salento, quella di Bari, Torino, il Politecnico delle Marche e l’Università di Trieste. I punteggi migliori gli atenei italiani li hanno ottenuti grazie in particolar modo alla gestione energetica, non tanto per l’utilizzo di rinnovabili che è ancora limitato, ma per il risparmio energetico, e soprattutto per la corretta gestione dei rifiuti (a parte il Politecnico di Torino che ha uno dei punteggi più bassi in assoluto); il trasporto è ottimo in alcune e pessimo in altre, mentre quasi tutte peccano dal punto di vista della didattica, visto che poche volte vengono affrontate tematiche o addirittura interi corsi di laurea o master dedicati alle problematiche ambientali.

Anche se l’Italia può vantare ben 7 Università in graduatoria (considerando le dimensioni del Paese non sono poche), sono tutte nelle posizioni più basse. Basti pensare che la migliore, quella di Venezia, è appena al novantesimo posto a livello mondiale. La migliore è l’Università del Connecticut, in USA, con punteggi altissimi in ogni categoria, anche se non i migliori. La top 10 è composta soprattutto da atenei americani (ben 5), più 3 britannici, uno canadese ed uno irlandese. E finché sono queste università a precederci ci può pure stare. Il problema è che prima delle nostre compaiono anche tantissime altre che non ci aspetteremmo come l’Università di Taipei più altre 12 del Taiwan, Pertanian Bogor (Indonesia), ed anche Ecuador e Thailandia. Segno che c’è molto ancora da migliorare nelle nostre strutture.

Photo Credits | Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.