Dopo Budelli in vendita l’isola di Santo Stefano, il prezzo 20 mln di euro

di Redazione Commenta

Poco dopo la vendita dell’isola di Budelli, gioiello sardo passato nelle mani di un altro privato, un imprenditore della Nuova Zelanda che l’ha acquistato per poco meno di 3 milioni di euro, ora tocca all’isola di Santo Stefano davanti Ventotene: il prezzo è di 20 milioni di euro.

Dopo il recente clamore suscitato dalla vendita dell’isola di Budelli c’è chi ha controllato bene le varie offerte presenti per questo immobile naturale e ha scoperto che anche l’isola di Santo Stefano è in vendita: ed eccoci davanti a un nuovo caso. L’isola si trova in un’area marina protetta e gli appassionati di storia italiana sapranno bene che il suo valore dal punto di vista storico e culturale è molto alto: vi fu rinchiuso Gaetano Bresci e poi Sandro Pertini, durante l’epoca del fascismo.

Il carcere dell’isola di Santo Stefano non potrà essere acquistato, ma esclusi questi tre ettari, il resto dell’isola potrà essere comprato dai multimilionari a caccia di un acquisto fuori dalle righe. A spiegare meglio questa situazione è stato lo stesso sindaco di Ventotene, Giuseppe Assenso, che ha precisato che l’isola è in vendita già da tempo, e che il prezzo richiesto dal suo possessore è pari a 20 milioni di euro circa.

A quanto racconta il sindaco era stato fatto un tentativo di acquisto da parte della Regione per 2-3 milioni di euro, alcuni anni fa, ma l’attuale proprietario (un notaio di Napoli) è rimasto fermo su una richiesta estremamente superiore, come abbiamo visto. Il sindaco si augura che l’isola possa ritornare in mano pubblica, anche perché, in fondo, non ci si può fare nulla: è area marina protetta. Nulla o quasi. Ci si può infatti speculare.

Arriverà anche in questo caso un ricchissimo imprenditore pronto all’acquisto? Staremo a vedere, per il momento non sembra che la Regione sia disposta a spendere così tanto per acquisirla.

Photo credits | Luigi V. su flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.