Ilva, finito lo sciopero. Si riparte?

di Redazione 2

Lo stabilimento Ilva di Taranto potrebbe ripartire. Il governo ha deciso di sbloccare la situazione con un decreto specifico. Lo ha annunciato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Antonio Catricalà, ieri sera dopo una riunione tra Governo e parti sociali in Palazzo Chigi. La legge salva-Ilva verrà applicata “integralmente e immediatamente” e “pur in pendenza del giudizio, l’azienda pagherà le retribuzioni”.
Lo sciopero dei dipendenti dell’Ilva di Taranto indetto due settimane fa da Fim Cisl è stato dunque sospeso e da stamattina si attendono ulteriori risvolti dopo la decisione maturata a tavolino dai segretari nazionali di Cgil, Cisl, Uil con il presidente del Consiglio Mario Monti, il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi e il presidente dell’Ilva Bruno Ferrante nella riunione di ieri sera a Roma, in Palazzo Chigi. Il governo sembra deciso a far ripartire le acciaierie, impianto industriale molto importante per l’economia nazionale, ma con le dovute precauzioni ambientali. Come ha spiegato il ministro dell’Ambiente Corrado Clini

La piena applicazione della legge prevede che l’azienda rientri nella disponibilità dei prodotti finiti per la loro commercializzazione. Questo è quello previsto dalla legge e ciò che noi abbiamo ribadito.

L’annuncio della creazione di un decreto ad hoc per salvare l’Ilva dalla chiusura della scorsa sera è stata sufficiente per porre fine allo sciopero che vedeva impegnati i dipendenti da due settimane dei dipendenti delle acciaierie di Taranto. I lavoratori sono stati rassicrati del fatto che il gruppo pagherà tutte le retribuzioni arretrate. Lo ha chiarito anche il premier Monti, l’azienda pagherà gli stipendi di tutti i suoi dipendenti, nonostante la pendenza del giudizio della Corte Costituzionale. Ulteriori sviluppi sulla vicenda si sapranno martedì, quando è attesa la riunione dei vertici per discutere sull’Ilva di Taranto.

[Fonte: Il Sole 24Ore]

[Photo Credits | Getty Images]

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.