Orti urbani, 10 motivi per realizzarli sull’isola di Lampedusa

di Matteo Carriero Commenta

Segnaliamo la splendida iniziativa di Terra! Onlus e Legambiente, sostenuta anche da Lush, per la creazione di orti urbani a Lampedusa: ecco i 10 motivi per realizzarli sull’isola che accoglie, da sempre, un enorme numero di migranti.

Il progetto Porto l’orto a Lampedusa organizzato da Terra! Onlus e da Legambiente Lampedusa, è supportato anche da Lush, azienda specializzata in cosmetici ecoresponsabili. L’Isola di Lampedusa, come è noto, è l’isola dei migranti, un luogo in cui le problematiche sociali sono forti e impossibili da tralasciare. Lush Italia nel comunicare che con l’acquisto della crema Charity Pot si andrà a sostenere il progetto dei orti urbani a Lampedusa, stila una lista dei 10 motivi per cui sarebbe opportuno realizzarli sull’isola. Significativamente, il primo motivo per il quale sarebbe bene sostenere il progetto è il debito di riconoscenza dovuto da tutti alla comunità di Lampedusa. In secondo luogo, il progetto contribuisce a inquadrare nuovamente l’isola al di là del problema dell’immigrazione, senz’altro centrale, ma Lampedusa non è solo questo.

Il terzo motivo addotto da Lush Italia per la campagna organizzata da Terra! e Legambiente, verte sulla bellezza dell’isola: gli orti rappresenterebbero un “in più” per il paesaggio e il territorio. Inoltre – ecco il quarto – motivo, con il progetto si andrebbe a rinforzare la vocazione agricola dell’isola di Lampedusa, un tempo forte ma adesso decisamente più blanda, con il territorio che purtroppo in parte presenta terreni abbandonati, se non nel mirino degli speculatori. In quinti luogo, è giusto sostenere il progetto poiché rappresenterebbe un’iniziativa positiva per una comunità che ha salvato migliaia di vite nel corso degli anni. Inoltre, motivo molto importante, in caso di mare alto gli scaffali dei supermercati e dei mini market rischiano sempre di svuotarsi, pertanto iniziative volte all’autosufficienza alimentare, all’autoproduzione di cibi magari anche di ottima qualità, non possono che risultare intelligenti e lungimiranti.

Lo sviluppo di orti urbani sull’isola di Lampedusa permetterebbe inoltre di riscoprire le varietà orticole locali, di sfruttarle e al contempo di preservarle; ottima possibilità tanto dal punto di vista culturale quanto dal punto di vista ecologico. Inoltre, ottavo motivo, ciò permetterebbe la creazione di un centro sociale all’aperto in cui le persone dell’isola e chi dall’isola transita, possono entrare in contatto, relazionarsi, conoscersi lavorando insieme a un progetto dedicato al bene dell’isola stessa. Nono motivo, molto semplice e molto importante, con la creazione di orti urbani si andrebbero a sottrarre territori alla lunga mano degli speculatori edili. Infine, come per tutti gli altri orti urbani in Italia e nel mondo, rappresenterebbero un’occasione di riavvicinarsi alla terra e di toccarne con mano il valore.

Ma come contribuire al progetto Porto l’Orto a Lampedusa? Naturalmente gli abitanti dell’isola possono fare molto, ma anche per gli altri sostenere l’iniziativa è semplice: oltre ad acquistare il prodotto Lush di cui sopra, è anche possibile aderire alla campagna di finanziamento dal basso disponibile attraverso la piattaforma Finanziamiiltuofuturo.it, partecipare alle iniziative promosse dalla Onlus Terra! (che si possono trovare sul sito ufficiale TerraOnlus.it) nonché contribuire a diffondere la notizia condividendola sul web o parlandone direttamente con altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.