La Terra soffoca e non riesce più a recuperare CO2

di Paola P. 2

inquinamento

Fino ad oggi ce la siamo cavati perché il nostro pianeta riusciva a recuperare  CO2 dall’atmosfera attraverso l’azione delle piante e di tutti gli altri organismi viventi che assorbivano l’inquinamento ed emettevano ossigeno. Ora però questo servizio potrebbe lentamente diminuire, e già oggi non è più efficiente come in passato.

A lanciare l’allarme è uno studio effettuato da 31 ricercatori di 7 Paesi diversi, i quali si sono accorti che, rispetto agli anni precedenti, la capacità di assorbimento della CO2, il principale gas ad effetto serra, è diminuita notevolmente, sintomo che la Terra non ce la fa più ad assorbirla. In pratica stiamo soffocando il nostro Pianeta.

I diretti responsabili sono la deforestazione, la quale toglie i principali assorbitori delle emissioni, gli alberi, e soprattutto l’incremento continuo dell’inquinamento. Negli ultimi 50 anni il tasso d’inquinamento è aumentato senza mai subire soste. Questo non ha mai rappresentato un grosso problema, visto che ad inquinare erano pochi Paesi, quelli ricchi Occidentali. Ma negli ultimi anni si è verificato un fenomeno nuovo, e cioè l’incremento delle emissioni improvviso da parte dei Paesi in via di sviluppo, come l’Est Europa e soprattutto Cina e India. Proprio questi ultimi due oggi sono i maggiori responsabili delle emissioni mondiali, più dell’intera Unione Europea.

Lo studio, effettuato in Gran Bretagna, Australia, Stati Uniti, Francia, Brasile, Norvegia e Olanda e pubblicato sulla rivista Nature Geoscience ha dimostrato come negli ultimi 50 anni la media della quantità di CO2 che rimaneva nell’atmosfera ogni anno era del 43%, in quanto il restante 57% veniva assorbito dal terreno e dagli oceani. Oggi però questa quantità è salita fino al 45%, segno che c’è stata una diminuzione nell’efficienza del sistema di assorbimento.

Quello che preoccupa maggiormente è che la quantità di emissioni non sembra voler calare. Tra il 1990 ed il 2008 le emissioni di sostanze inquinanti sono aumentate nel mondo del 41%. Solo tra il 2008 ed il 2009 sono aumentate del 2%. Forse a causa della crisi, si prevede che quest’anno registri per la prima volta un calo delle emissioni. Il problema è che però alla ripresa c’è il rischio che il periodo 2010-2011 registri un nuovo e più forte aumento.

Il problema, come dicevamo prima, sono principalmente Cina e India, le quali hanno un territorio sconfinato e poche regole, per cui hanno tutta la libertà di inquinare, visto che non sembrano nemmeno propense a vincolarsi al trattato che si spera possa essere stipulato a Copenaghen. Il principale responsabile dell’inquinamento in quelle terre è il carbone, il combustibile fossile a più alto tasso d’inquinamento, molto più del petrolio, che ha triplicato le emissioni, portandole da un aumento dell’1% l’anno negli anni ’90 ad un +3,4% l’anno dal 2000 in poi. Una situazione preoccupante che, fanno sapere i ricercatori, si può fermare solo mettendo un freno alle emissioni.

Fonte: [Ansa]

Commenti (2)

  1. Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied on the video to
    make your point. You definitely know what youre talking about, why throw away your intelligence on just posting videos to your blog when you
    could be giving us something informative to read?

    Feel free to surf to my site ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>