Anche le anatre rischiano l’estinzione

di Redazione 1

La perdita di zone umide di alcune regioni con estese praterie del Nord America, causata da un clima più caldo e secco, influenzerà negativamente milioni di uccelli acquatici che dipendono dal cibo della regione, secondo una ricerca pubblicata il 1 febbraio sulla rivista Bioscience. La nuova ricerca mostra che la regione sembra essere molto più sensibile al riscaldamento climatico e alla siccità di quanto si pensasse.

L’impatto per i milioni di anatre attratte dalle zone umide per gli innumerevoli siti di riproduzione in primavera rende difficile immaginare come si possa mantenere il livello attuale delle popolazioni di uccelli acquatici in condizioni climatiche alterate. I genitori non possono avere il tempo per allevare i loro piccoli fino all’età in cui possono volare a causa dell’essiccazione delle zone umide che avverrà troppo in fretta nel clima più caldo del futuro

ha spiegato il dottor Glenn Guntenspergen, un ricercatore US Geological Survey e uno gli autori del rapporto. Un nuovo modello di zona umida sviluppato dagli autori per capire gli impatti del cambiamento climatico sulle zone umide della regione fornisce proiezioni importanti sulle riduzioni del volume di acqua, la riduzione del tempo in cui l’acqua rimane nelle zone umide e le modifiche alla dinamica della vegetazione delle zone umide in questa regione di 800.000 km quadrati.

Molte specie delle zone umide, come ad esempio gli uccelli acquatici e gli anfibi, richiedono un tempo minimo in acqua per completare il loro ciclo di vita. Per esempio, la maggior parte delle anatre di superficie richiedono almeno 80-110 giorni di umidità in superficie per crescere i loro piccoli fino a quando imparano a volare, e finché gli adulti non completano la muta. Inoltre, l’abbondanza di zone umide è necessaria perché l’allevamento di uccelli acquatici in genere serve per isolarsi dagli altri della stessa specie.

Purtroppo, le simulazioni del modello mostrano che, in virtù degli scenari del cambiamento del clima previsto per questa regione (con un aumento di 4 gradi Celsius), le praterie occidentali saranno troppo asciutte e quelle orientali avranno troppo poche zone umide funzionali e habitat per la nidificazione per sostenere gli uccelli acquatici

ha aggiunto il dottor Carter W. Johnson, altro autore dello studio e ricercatore presso la South Dakota State University. Gli autori hanno notato che il loro modello ha permesso un’analisi più completa degli impatti del cambiamento climatico attraverso le praterie del Nord, perché contemporaneamente hanno esaminato l’idrologia e la dinamica della vegetazione del complesso delle zone umide, che sono entrambe importanti per la fauna selvatica che dipende dalla prateria nel loro ciclo di vita.

I nostri risultati indicano che le zone umide e le praterie sono estremamente vulnerabili al riscaldamento climatico, e sono meno resistenti di quanto si riteneva in passato.

ha concluso Guntenspergen.

Fonte: [Sciencedaily]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.