Earth Day 2013, l’inquinamento ancora non è sconfitto

di Redazione 1

Sono passati parecchi decenni dal primo Earth Day, eppure il problema principale è ancora lì in bella mostra: l’inquinamento. Solo che se negli anni ’70 sembrava un’invenzione senza senso, oggi stiamo pagando le conseguenze di quell’inazione. È questo quello che i volontari di tutto il mondo, celebrando oggi la Giornata della Terra, vogliono mettere in chiaro una volta per tutte. L’effetto serra ormai è inarrestabile proprio a causa della sottovalutazione del problema, e così non resta che tentare almeno di rallentarlo.

Le conseguenze sono ben note. Dal punto di vista ambientale potremo vedere scomparire la calotta polare settentrionale, e già le compagnie petrolifere ne stanno approfittando tentando le prime trivellazioni; da quello sociale invece ci aspettano guerre civili e non, a causa delle migrazioni di massa dovute ad allagamenti, siccità, e alla lotta in generale per quelle poche risorse che rimarranno disponibili alla fine del secolo, quando ormai la temperatura globale sarà aumentata di oltre 2 gradi e, secondo i calcoli della Banca Mondiale, potrebbe arrivare anche a superare la media di oltre 4 gradi.

Dunque cosa fare? Oggi per esempio volontari, artisti ed associazioni organizzano come possono delle manifestazioni per chiedere alla politica mondiale di fare qualcosa. La principale in Italia si terrà al teatro della Luna di Assago, vicino Milano, in cui diversi artisti, tra i quali Fiorella Mannoia, si esibiranno in un concerto per la Terra, ma ce ne saranno tanti altri come il Think Green Eco festival di Roma ed altri eventi in altre città italiane ed estere in 192 Paesi che si calcola coinvolgeranno oltre un miliardo di persone.

Persino Google ha voluto celebrare questa giornata con un suo doodle dedicato alla Terra che mostra il ciclo perfetto delle stagioni che si rincorrono, ma che potrebbe essere presto interrotto dalla mano distruttiva dell’uomo. Se volete partecipare anche voi basta usare la Rete, cercare qualche iniziativa che si tiene nel vostro Comune, oppure intraprendere uno dei classici consigli sul risparmio energetico che trovate sulle nostre pagine.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.