Ambiente: Solvay, ecco i dati inquietanti della seconda Ilva

di Valentina Ierrobino 1

Lo stabilimento della Solvay, tra i comuni di Rosignano Marittimo e Vada, è stato definito “una bomba ecologica” sulla costa toscana dal parlamentare ex M5S e ora del Gruppo misto Adriano Zaccagnini, all’indomani della pubblicazione dei dati sull’inquinamento della riviera toscana. I dati, confermati da un’indagine indipendente dell’Agenzia ambientale dell’ONU, sono a dir poco agghiaccianti e di certo la cosiddetta seconda Ilva necessita di una maggior attenzione da parte del Governo.

La Solvay, fondata nel 1941 e ora gestita da una multinazionale belga, si occupa dell’estrazione del salgemma e della produzione di sale, cloro e derivati. Negli ultimi 20 anni oltre all’energia elettrica ha prodotto carbonato di sodio, bicarbonato, soda caustica, clorometani e acqua ossigenata. Nell’arco di oltre 60 anni l’azienda ha causato il degrado del mare e della costa oltre ad un’elevata tossicità delle acque dovuta all’inquinamento prodotto dai residui di lavorazione. Nella riviera toscana sembrano non accorgersi del pericolo e a pochi km dallo stabilimento sono sorti stabilimenti balneari e lidi anche della Asl in cui si organizzano colonie estive per disabili. Di fatto i divieti di balneazione non ci sono, e forse non tutti sono a conoscenza della pericolosità dell’area limitrofa alla seconda llva.

Nel rapporto dell’Agenzia ambientale dell’ONU si legge che la costa toscana nei pressi dell’azienda belga è tra i 15 siti più inquinati d’Italia e che nella sabbia bianca che caratterizza la riviera, la Solvay ha sversato più di 337 tonnellate di mercurio, arsenico, cadmio, piombo, nichel, zinco e dicloroetano. Da un’indagine di Legambiente si evince che nel comune di Rosigano marittimo le tonnellate di mercurio riversate in spiaggia sono state 500. Grazie alle ricerche l’impresa è finita sotto inquiesta e la direttrice e 4 ingegneri sono sotto indagine per scarichi abusivi nel mare toscano e per dati non forniti all’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana circa i fanghi rilasciati nell’ambiente. La Procura ha stabilito che entro il 2015 la Solvay deve risanare la costa e porre fine alle violazioni, altrimenti scatteranno i sequestri.

[Fonte: La Repubblica]

[Photo Credit | Thinkstock]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.