Arriva il pc ecocompatibile della Dell, si chiamerà Bamboo-box

di Redazione 6

Ieri abbiamo parlato di quanto si risparmia utilizzando i pc e le e-mail al posto della carta. Oggi vi parliamo di una novità ecologica che rivoluzionerà il computer stesso. Nel corso della conferenza Fortune Brainstorm Green, organizzata in occasione dell’Earth Day, il fondatore della Dell Computer, Michael Dell, ha mostrato al pubblico un prototipo di pc ispirato all’ambiente di cui però non ha voluto dare il nome, anche se in molti lo chiamano già bamboo-box.

Il rivestimento esterno del pc, infatti, è composto da bambù e altri materiali riciclati come vecchie bottiglie di plastica, cartocci del latte, ecc. Il progetto riguarda per ora solo il modello portatile. Dovrebbe essere più piccolo dell’81% rispetto ad un normale desktop, ma soprattutto utilizzerà il 70% in meno di energia elettrica.


Il pc, che verrà immesso sul mercato verosimilmente verso la fine dell’anno, potrebbe avere un prezzo che oscilla tra i 500 e i 700 dollari. A questo punto gli utenti potrebbero storcere il naso. Infatti se l’hardware esterno è composto tutto da materiale riciclato, e quindi a basso costo per l’azienda, perchè il prezzo rimane così elevato? Probabilmente è solo una voce, ma può essere che questo prezzo sia dettato dal fatto di essere il primo pc eco-compatibile sul mercato, e quando la concorrenza aumenterà, il prezzo sarà rivisto al ribasso.

L’intento dichiarato del signor Dell è di non usare più carbonio per la costruzione dei suoi pc (anche se la prima idea era di porre il limite entro il 2008, ma è stata disattesa).
Occuparsi dello strato di ozono è un buon affare, e soprattutto pubblicità a basso prezzo, e quindi Dell cavalca quest’onda ecologica, esortando anche gli altri produttori a seguirla: “Arriva un momento nella storia del business in cui è più importante per le organizzazioni di tutte le dimensioni unirsi per avere un impatto positivo sulla Terra che tutti condividiamo. – ha spiegato il patron della casa produttrice – Per Dell non è abbastanza essere leader nel campo dell’ecologia. Abbiamo bisogno che anche i clienti diventino nostri partner, per aumentare drasticamente l’influenza positiva che essi possono avere sull’ambiente”.

Ma non finisce qua. Dell infatti rilancia, e annuncia anche di avere in progetto un cambio radicale di metodi di produzione. E’ in progettazione infatti un nuovo modo di usare fonti di energia più efficaci durante la produzione, magari rinnovabili.
A dir la verità questa trovata della Dell non è che sia proprio originalissima. La Fujitsu Siemens Computers già da qualche anno ha lanciato l’idea del pc ecologico, ma senza successo. Il suo concetto era di ritirare i vecchi pc per riciclarli e farne di nuovi, con minor spreco possibile di risorse. Ma sarà per poca capacità pubblicitaria, o forse per la scarsa qualità del prodotto, ma fatto sta che questa idea fu un vero flop.

Commenti (6)

  1. volevo ricordare che la apple si sta impegnando molto a costruire pc ecocompatibili, composti in maggior modo da alluminio e vetro, con schermi a led.
    lo dico un po’ da apple fanatico ma anche perché dopo la lettera di greenpeace inviata ad apple ora fanno molti complimenti sul buon lavoro svolto…
    per quanto riguardai consumi di energia non vedo come il bambù possa influire, anzi mi fa sorridere la cosa!
    ciao a tutti!

  2. il bambù influisce perchè fa risparmiare tonnellate di petrolio che serve per fare i rivestimenti esterni dei pc. i consumi di energia poi non si riducono con il bambù, ma con la diminuzione dei consumi del processore, con nuove tecniche che solo loro conoscono.
    comunque ti ringrazio per avermi segnalato questa cosa della apple, in questo periodo stiamo seguendo cosa succede all’Earth Day e lì la apple non si è fatta viva, mentre la Dell si. vorrà dire che terremo d’occhio le novità apple d’ora in avanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.