Olimpiadi 2012 al torio e al radio, stadio Londra sorge su deposito scorie nucleari

di Redazione Commenta

A lanciare l’allarme è il quotidiano britannico The Guardian: molti degli stadi e delle infrastrutture che verranno costruite per le Olimpiadi di Londra 2012 sorgerannno in un’area che contiene scorie radioattive nel sottosuolo.

Stando ai dati raccolti in un’inchiesta e al parere degli esperti consultati dal giornale lo sviluppo dell’area a Est della metropoli londinese, dopo la fine dei Giochi, sarebbe a rischio proprio per la presenza di materiale radioattivo, si parla di centinaia di tonnellate di torio e radio, seppellito decine di anni fa senza rispettare del tutto le norme di sicurezza previste dalle leggi in vigore in Gran Bretagna. Le scorie nuclerari sarebbero infatti mischiate a rifiuti a bassa radioattività contenuti in celle apposite.


Gli organizzatori delle Olimpiadi si affrettano a tranquillizzare pubblico ed atleti: non c’è alcun rischio per chi parteciperà alle manifestazioni olimpiche. Il nodo da risolvere è piuttosto cosa accadrà quando lo stadio olimpico verrà demolito per far posto a palazzi ad uso abitativo. John Large, esperto indipendente ha dichiarato sulle pagine del Guardian che:

Lo sviluppo frettoloso e non pianificato del sito olimpico potrebbe aver portato ad ingenti danni per le comunità locali delle aree circostanti. In generale, c’è qualche dubbio circa l’applicabilità e la validità degli studi sui rischi radiologici effettuati finora. Servirà come minimo una nuova valutazione.

Dal canto suo, l’Olympic Park Legacy Company, che deve occuparsi della trasformazione dell’area dei Giochi in area urbana alla fine delle Olimpiadi, si affretta a precisare che l’ODA, l’Olympic Delivery Authority, ha assicurato che la zona è completamente sicura e risanata.
E’ lo stesso direttore dell’ODA, Simon Wright, a precisare, interpellato, che

Il Parco Olimpico e tutti gli edifici dell’area sono completamente sicuri. I livelli di radioattività non sono affatto al di sopra della norma consentita.
Siamo stati più che trasparenti in merito alla contaminazione del sito Olympic Park, un’ex discarica industriale. Come già annunciato, in una piccola quantità di terreni ci sono tracce, a livelli molto bassi, di materiale radioattivo, perché vi sono state sepolte delle scorie  in modo sicuro in una cella con un metodo comprovato per lo smaltimento di questo genere di materiale.

Sarà…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.