Tigri, al via oggi in Russia l’International Forum on Tiger Conservation (fotogallery)

di Paola P. 3

Il 2010 è l’anno della tigre. O almeno di quello che ne ne rimane. Della tigre, maestoso animale simbolo di possenza e fierezza allo stato brado, resta un’orma sempre più ristretta e limitata a poche aree della Terra. La sopravvivenza della popolazione è messa a repentaglio dalla perdita di habitat e dal fenomeno del bracconaggio che non conosce purtroppo decremento, persino nelle riserve, a dispetto delle numerose iniziative messe in atto da associazioni governative e non. Sarebbero circa 3.600, stando alle stime disponibili, gli esemplari di tigre che vivono ancora allo stato selvatico. Rispetto al secolo scorso il calo registrato è esorbitante: circa 100.000 tigri in meno.

Oggi in Russia si apre l’International Forum on Tiger Conservation, il Forum Internazionale sulla Conservazione delle Tigri, che vede riuniti fino al 24 novembre i leader delle 13 nazioni che ospitano la specie, per discutere dei provvedimenti atti a garantirne la sopravvivenza.
A partecipare non saranno rappresentanti che hanno poca influenza e nessun potere decisionale, come spesso accade in questi summit, bensì personalità influenti della politica dei Paesi aderenti. In primis Putin per la Russia.
Putin che nel 2008 ha ricevuto un cucciolo di tigre, una femmina, come regalo di compleanno, di nome Mashenka che ora si trova in uno zoo, dopo aver trascorso i primi tre giorni di vita in una cesta di vimini a casa del premier russo. Ma sono le tigri selvatiche che si vogliono tutelare, la loro libertà è il vero patrimonio.

Nella mission Putin sarà affiancato a San Pietroburgo dai leader di Bangladesh, Bhutan, Cina, India, Indonesia, Cambogia, Laos, Malesia, Myanmar, Nepal, Thailandia e Vietnam.
Alcuni dati sulle tigri libere presenti in questi Paesi:

  • Bangladesh 440
  • Bhutan 75
  • Cambogia 20
  • Cina 45
  • India 1.411
  • Indonesia 325
  • Laos 17
  • Malesia 500
  • Myanmar 85
  • Nepal 155
  • Russia 400
  • Thailandia 200
  • Vietnam 10

Il vertice è ospitato dalla Russia, non a caso, Russia che ha dimostrato di sapere come salvare le tigri, con pesanti sanzioni contro i bracconieri (anche se ultimamente la morsa si è allentata) e una maggiore tutela degli esemplari in libertà ma molto resta ancora da fare e non si può di certo abbassare la guardia. Iniziative di successo sono state attuate anche in molti altri Paesi, tra quelli presenti al Forum ma a preoccupare è sempre la richiesta di parti di tigre che, nonostante i divieti, continua a provenire dalla Cina per l’impiego nella medicina tradizionale cinese.

[Fonte: CNN]

Commenti (3)

  1. I’m not sure where you’re getting your information,
    but good topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more.
    Thanks for great info I was looking for this
    information for my mission.

    Feel free to visit my web-site; ig

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>