Il metano sottovalutato potrebbe aumentare di 20 volte l’effetto serra

di Paola P. 1

Una nuova ricerca dell’MIT condotta da Denise Brehm del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, ha notato il potenziale peso del riscaldamento delle temperature globali sul livello di metano che viene rilasciato dalle spaccature oceaniche.

La premessa è che l’innalzamento delle temperature globali potrebbe essere accompagnata dallo scioglimento del permafrost nelle regioni artiche e che questo potrebbe avviare il rilascio di metano nell’atmosfera. Una volta rilasciato, il gas metano potrebbe accelerare il riscaldamento globale intrappolando le radiazioni di calore della Terra circa 20 volte in più di quanto non faccia il più noto gas a effetto serra, l’anidride carbonica. Il documento è stato pubblicato sul Journal of Geophysical Research.

Esso mostra come questo metano sottomarino nelle regioni congelate possa sfuggire, o anzi, sia gia in fuga attraverso le aperture nel fondo del mare ad un ritmo molto più veloce di quanto si creda. Alcuni scienziati hanno associato il rilascio, graduale e veloce, di metano oceanico, con i cambiamenti climatici del passato e del futuro.

Le condizioni dei sedimenti in cui questo meccanismo per lo spostamento dei gas domina, sono molto diffusi in gran parte degli oceani, nonché in alcune regioni del permafrost. Ciò indica che possono essere notevolmente sottovalutati i flussi di metano attualmente presenti nel mare e fuoriusciti nell’atmosfera terrestre. Questo potrebbe avere implicazioni per la nostra comprensione del ciclo di carbonio e del riscaldamento globale

ha spiegato l’autore Ruben Juanes, assistente professore degli Studi sull’Energia presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Il metano, la componente principale del gas naturale, è più abbondante nell’atmosfera terrestre ora che in qualsiasi momento nel corso degli ultimi 400.000 anni, secondo una recente analisi delle bolle d’aria intrappolate nei ghiacci. Nel corso degli ultimi due secoli, le concentrazioni di metano nell’atmosfera sono più che raddoppiate. Si stima che circa il 60% delle emissioni globali di metano siano legate alle attività dell’uomo, come l’allevamento di bestiame e l’estrazione del carbone, con il resto legato a sorgenti naturali, come le zone umide, le foreste in decomposizione e i noti giacimenti di idrati di metano.

Nella fase di idrato, una molecola di gas metano è bloccata all’interno di una gabbia cristallina di molecole di acqua ghiacciata. Questi idrati esistono in uno strato di roccia sotterranea o sedimenti oceanici chiamati zona di stabilità dell’idrato, o HSZ.  Gli idrati di metano rimangono stabili fino a quando la pressione esterna rimane alta e la temperatura bassa. Sopra tale zona, dove le temperature sono più elevate, il metano si trova principalmente in fase gassosa mescolato con acqua e sedimenti. Ma la stabilità della zona è dipendente dal clima.

Se aumentano le temperature atmosferiche, la zona si sposterà verso l’alto, rilasciando uno strato di gas metano, liberato dalle gabbie di idrato. A questo punto l’effetto serra potrebbe diventare fino a 20 volte più forte di com’è oggi.

Fonte: [Enn]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.